Pubblicato in: Recensioni

Recensione: “Losche Storie: Caravaggio” edito da Franco Cosimo Panini

“Spesso artisti mediocri erano immeritatamente apprezzati, mentre pittori bravissimi ignorati (Un po’ come nei Talent Show)”.

Parto subito col dire una cosa: se a scuola mi avessero dato questo libro per studiare la vita di Caravaggio sarei stato sicuramente il primo della classe.

Io amo l’arte: ho frequentato l’Istituto d’Arte e ho sempre adorato la pittura, la scultura e ogni altra forma artistica (compresi i fumetti). Tuttavia, se devo dirvi la verità, ammetto che durante gli anni della scuola pensavo che studiare la vita degli artisti ormai morti fosse alquanto palloso. Questo perché, secondo me, i libri scolastici tendono a rendere i testi troppo seri e rigidi, per cui gli alunni spesso finiscono per annoiarsi e prendere le distanze da un passato ormai lontano che con loro non ha più nulla da spartire.

In realtà, grazie a questo libro illustrato dedicato a Caravaggio che fa parte della collana Grandi Losche Storie, ho scoperto che anche un artista vissuto nel XVI secolo può benissimo diventare un personaggio Cool dei giorni nostri.

Franco Cosimo Panini è sempre stata una Casa Editrice fresca e innovativa, capace anche di prendere in giro i personaggi del passato con un’ironia pungente e sagace. Mi sono approcciato al volume dedicato a Caravaggio non sapendo bene cosa aspettarmi e ne sono rimasto piacevolmente colpito. Vi dico solo che mi sono così appassionato al personaggio che ora sto recuperando anche i film a lui dedicati e i documentari disponibili in rete. 

Illustrazione di Laura Camelli – Caravaggio, Franco Cosimo Panini

Ma di cosa parla il volume?

Beh, ovviamente racconta la vita del pittore… Ma non scappate via, tranquilli: non mi metterò certo a farvi una lezione di storia come nelle scuole, anche perché, trattandosi del pittore più famoso dell’alto Rinascimento, sicuramente ne avrete già sentito parlare. Vero??

Scherzo, in realtà devo ammettere che anche io, pur conoscendo le sue opere, della sua vita tormentata e complessa non sapevo quasi nulla. Per esempio, ignoravo che Michelangelo Merisi fosse stato un vero e proprio delinquente! Pensate che aveva l’abitudine di passare le notti ad attaccar briga con tutti quelli che non gli andavano a genio e veniva sempre fermato dalla polizia perché si portava una spada appresso. Non avete idea di quante volte sia stato buttato in galera!

Merisi trascorse gran parte della sua vita scappando da una parte all’altra a causa delle sue malefatte (tanto per dirne una, uccise un uomo… ). A un certo punto, dovette vivere in clandestinità perché sulla sua testa pendeva una taglia.

Per fortuna lui non era solamente una persona tormentata e ribelle. Era anche un artista, che dava anima e corpo per realizzare opere sempre più belle. Passava mesi e mesi a capire come poter stupire la gente con i suoi dipinti. Voleva essere apprezzato, capito, accettato. Grazie a questo volume, ho potuto conoscere il Caravaggio vero, seppur romanzato. Ho apprezzato che ‒ pur se indirizzato a un pubblico giovane ‒ la casa editrice abbia avuto il coraggio di mostrarci anche il brutto carattere del pittore. Spesso nei libri gli artisti vengono elogiati solo per le loro opere, ma non dobbiamo dimenticare che anche loro erano stati prima di tutto persone come noi, con i loro pregi e i loro difetti. Ed è per questo che secondo me gli studenti apprezzerebbero di più studiare su questo libro anziché sui libri scolatici,  proprio per avere la possibilità di conoscere davvero la persona che si celava dietro le opere famosissime in tutto il mondo. Per cui, professori: se state leggendo questo articolo, fateci un pensierino.

Ci sono vari motivi per cui questo volume mi è piaciuto tanto.

Come già detto, secondo me molti studenti hanno un po’ paura di approcciarsi allo studio della Storia dell’Arte perché vedono gli artisti del passato troppo distanti dalla loro generazione (e vorrei ben vedere… ). Quindi, la Franco Cosimo Panini che ha fatto? Ha pensato bene di raccontarci la storia di Caravaggio in chiave Pop, concentrandosi sulle avventure spericolate del giovane artista come fosse una rockstar e mettendo in evidenza il suo carattere ribelle e testardo. E, si sa, i bad boys sono sempre i beniamini dei giovani. Inoltre, l’aggiunta delle note spiritose, ideate come se fossero scarabocchi scritti a mano da uno studente annoiato durante una lezione, ha il pregio di rendere la lettura ancora più piacevole.

“In bottega, Caravaggio non combina molto. Probabilmente passò gran parte del tempo a marinarla e si limitò a studiare le nozioni base della pittura o poco più. Forse, chissà, iniziò a prendere la pittura sul serio solo dopo il 1590 e imparò lavorando, da autodidatta”.

Col talento si nasce. Certo, lo si può anche coltivare, ma se dentro di noi non arde il fuoco della passione credetemi, con il solo studio si fa poco e niente. Spesso, quando un ragazzo non studia, viene preso per stupido e ridicolizzato. Probabilmente viene pure bocciato, anzichè spronato a trovare un metodo alternativo che faccia al caso suo. Caravaggio era un autodidatta. Quando gli era stato imposto di studiare presso un pittore famoso, lui ci aveva provato ma si era subito annoiato. Solo in seguito, quando aveva capito di amare davvero il disegno, aveva iniziato a studiare per conto suo, dimostrando agli altri e a stesso che tanto asino non era. Secondo me questo è un bel messaggio che potrebbe essere condiviso con tutti i giovani che ogni giorno si sentono dire di essere degli scansafatiche.

Illustrazione di Laura Camelli – Caravaggio, Franco Cosimo Panini

Un altro punto di forza del volume illustrato è quello di saper raccontare in modo originale le opere del grande artista. Grazie ad alcuni aneddoti, ho imparato ad apprezzarle ancora di più e ho scoperto, per esempio, che a quei tempi le prostituite facevano da modelle per i pittori e che molti artisti erano costretti ad assecondare i voleri della chiesa.

“Non gli fu detto il motivo per cui il dipinto era stato rifiutato. Forse fu la scelta di Caravaggio di fare impersonare la Vergine dalla procace Lena, e per di più, in abito scollato. Caravaggio era mortificato. Gli era già capitato di affrontare un rifiuto […] Quella volta, invece, non gli venne data una seconda possibilità.”

Se credevate che i più famosi artisti di oggi e di ieri non abbiano mai incassato dei sonori rifiuti,  vi sbagliate di grosso. Anche i più grandi falliscono, ma la loro forza sta proprio nel non arrendersi: accettano il responso, si rigirano le maniche e pensano a un modo per migliorarsi. Nel corso della sua carriera, Caravaggio è stato più volte sul punto di arrendersi, di pensare di non essere sufficientemente bravo per realizzare i dipinti che gli venivano commissionati, perciò dava sempre il massimo per sorprendere i suoi clienti. Questo mi ha fatto pensare ad alcuni scrittori emergenti che ricevono delle critiche negative e si scoraggiano, credendo di non essere bravi e di aver fatto un grosso errore nel pubblicare il libro. Ovviamente questo vale per ogni cosa, non solo per la scrittura: penso al canto, allo sport, alla didattica e così via. Leggendo questo volume, ho ammirato la tenacia e la perseveranza di un allora giovane pittore che voleva farcela a tutti i costi, contro tutto e tutti.

In conclusione, posso dire che il volume illustrato mi ha arricchito. Franco Cosimo Painini pubblica da anni libri di altissima qualità e ha il pregio di saper comunicare  con il lettore in modo diretto. Il progetto della collana Losche Storie ‒ che comprende anche i volumi su Mary Shelley, Nikola Tesla, Maria Antonietta e Leonardo ‒ è di Paola Cantatore, mentre i commenti divertenti sono del bravissimo Alessandro Vincenzi. Infine, un applauso a Laura Camelli per le illustrazioni magnifiche che accompagnano la lettura. Se volete saperne di più sulla Casa Editrice e sul libro, vi invito a guardare la video recensione che ho caricato su YouTube (e se non lo avete già fatto, iniziate a seguirmi anche lì).

Fatemi sapere se la mia recensione vi è piaciuta, se conoscete già questa Casa Editrice di Modena e consigliatemi altri libri che parlano di Caravaggio.  

Alla Prossima!

  • Titolo: Caravaggio
  • Autori: Paola Cantatore/Alessandro Vincenzi/Laura Camelli
  • Editore: Franco Cosimo Panini https://www.francopaniniragazzi.it
  • Pagine: 119
  • Età consigliata: 12 anni

 

Autore:

Autore di libri per ragazzi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...