Pubblicato in: Recensioni

Recensione “Explorer Academy: La Doppia Elica” di Trudi Trueit

Cruz sapeva che per avere successo doveva concentrarsi sul da farsi e accantonare i dubbi, ma non era facile. Non era mai facile.

Fa sempre piacere ritrovare degli amici, soprattutto quando si parla di personaggi letterari.

Per me gli studenti dell’Explorer Academy sono diventati dei compagni di avventura. Staimo ancora vivendo un periodo incerto in cui non ci è ancora consentito fare viaggi in totale sicurezza, perciò è bello poterlo fare tramite i libri.

Grazie a Cruz, Emmet e Sailor, noi lettori abbiamo la possibilità di visitare varie città del mondo e di scoprirne le bellezze stando comodamente seduti sul divano di casa. Sono stato molto felice di aver potuto leggere il terzo volume di Explorer Academy intitolato La Doppia Elica, scritto da Trudi Trueit, illustrato da Scott Plumbe e edito da Edizioni White Star, che ringrazio come sempre per la collaborazione.

Devo dire che neanche il terzo volume ha deluso le mie aspettative; al contrario, non ha fatto altro che confermare la qualità dell’opera.

Prima di procedere con la recensione, partiamo come sempre con la quarta di copertina:

Il nuovo terzo volume va ad arricchire la fortunata saga di Explorer Academy, portando l’aspirante esploratore Cruz e i suoi amici a confrontarsi con un nuovo mistero e, naturalmente, con una nuova appassionante avventura. Alla ricerca delle tracce lasciate dalla sua mamma, Cruz dovrà aggiungere stavolta l’inspiegabile scomparsa di suo padre... E non solo: un nuovo professore, una nuova avanzatissima tecnologia, e l’avvicinarsi del suo tredicesimo compleanno, un momento destinato a cambiare la sua vita per sempre... Età di lettura: da 8 anni.



    Editore : White Star (22 ottobre 2019)
    Lingua : Italiano
    Copertina flessibile : 224 pagine
    ISBN-10 : 8854043338
    ISBN-13 : 978-8854043336
    Peso articolo : 500 g
    Dimensioni : 15.9 x 2.7 x 23.1 cm





Sono passati due mesi dall’inizio dell’anno scolastico per il giovane Cruz che, oltre a dover seguire le varie lezioni a bordo della nave Orion, ha anche una missione segreta da portare a termine: cercare una formula estremamente importante creata da sua madre, una scienziata che lavorava per la Synthesis, suddivisa in otto frammenti di pietra nascosti in varie parti del mondo. Per far questo, si avvale dell’aiuto dei suoi due compagni di classe nonché fidati amici, Emmet e Sailor. Insieme a loro, Cruz si è già recato tra i ghiacciai dell’Islanda, nelle gelide acque della Nuova Scozia e nella foresta delle farfalle monarca in Messico.

In questo episodio, faremo un salto a Barcellona, visiteremo la magnifica città di Petra, in Giordania, e parteciperemo a uno scavo archeologico in Turchia.  

 Mentre il giorno diventava notte nell’antica città di Petra, tre esploratori stanchi, affamati e molto felici si sedettero sul freddo pavimento di pietra di una chiesa vecchia di milleseicento anni. Nessuno disse una parola. Non ce n’era bisogno.

La cosa che apprezzo di più in questa saga è l’ambientazione. Come ho già detto, lo scenario in cui si muovono i personaggi cambia in continuazione. Se in un capitolo ci troviamo a Londra, in un altro ci troviamo alle Hawaii, in quello dopo magari in Egitto, e così via.

Illustrazione di Scott Plumbe

La serie è ispirata dalle scoperte e dalle invenzioni dei veri esploratori della National Geographic, che ogni giorno lavorano per salvaguardare l’ambiente e per scoprire com’era fatto il mondo migliaia o anche milioni di anni fa.

Nel romanzo, per esempio, gli esploratori hanno a disposizione un’unità PANDA che identifica in un attimo l’origine, il tipo e l’età di resti umani e reperti. Nella realtà, invece, pur non disponendo di questa incredibile invenzione, la biologa evoluzionista Beth Shapiro è in grado di studiare i cambiamenti della specie e delle popolazioni nel corso del tempo grazie allo studio del DNA, estraendolo da piante e animali antichi.

Trovo che sia molto divertente, e soprattutto utile, l’idea di potersi approcciare alle ricerche scientifiche condotte dai veri esploratori della National Geographic attraverso la lettura di una serie per ragazzi. Dopo aver letto il libro, il lettore vorrà certamente sapere di più sugli scavi archeologici o sulle microonde che consentono agli scienziati di vedere oggetti sottoterra, e quindi trovo che questi libri siano, oltre che avventurosi, anche didattici.

Chiunque sapesse dove si trovavano i frammenti era in pericolo. Per questo non poteva confidare a Emmet il suo segreto: aveva affidato la formula all’unico componente dell’Orion che non avrebbe detto niente a NESSUNO.

Al contrario dei primi due, dove il ritmo era incalzante, in questo terzo episodio Trudi Trueit si prende un attimo di tranquillità per tirare le somme. Siamo arrivati a un punto della storia in cui c’è tanta carne al fuoco, i misteri da svelare sono parecchi e le connessioni tra i vari personaggi si fanno sempre più intricate.  Se la prima parte serve a rinfrescarci la memoria, nella seconda l’autrice mette di nuovo la quarta: una donna bionda che appare all’improvviso e che sembra sapere tutto su Nebula, un uomo che avrebbe dovuto essere in prigione ma che invece riappare tra le vie di Barcellona; e ancora, il rapimento del papà di Cruz, il segreto della voglia a forma di doppia elica … Diciamo che la lettura di Explorer Academy non annoia mai.

Inoltre, i personaggi stanno maturando. Se nel primo libro abbiamo fatto la conoscenza di un Cruz immaturo, istintivo e un pochino svogliato, in questo episodio il lettore noterà in lui dei cambiamenti, sia nel carattere, sia nel modo di affrontare determinate situazioni. Adesso Cruz è responsabile, perché sa che la sua missione non è semplice e che la formula segreta che sta cercando potrebbe cambiare il destino del mondo se cadesse nelle mani sbagliate; inoltre, adesso ha delle conferme: se prima pensava di essere completamente da solo, ora si rende conto che può contare sull’aiuto di alcune persone che lo vogliono bene.

C’è anche la video recensione di Explorer Academy!

Non vedo l’ora di proseguire con la lettura del quarto (ma non ultimo) romanzo della serie. Sono curioso di scoprire dove la serie mi porterà e quali nuove avventure mi farà vivere! Mi dispiacerà quando arriverà il momento di dover dire addio a questi ragazzi: ormai mi ci sono davvero affezionato a loro.

Se questo articolo se vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e, perché no, lasciatemi pure un bel like, che tanto male non fa. Noi ci vediamo alla prossima recensione!

Autore:

Autore di libri per ragazzi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...